Concludi la tua Offerta (0)
ita  |  en  

Ad ogni lavoro il proprio indumento: l’abbigliamento certificato


Quando pensiamo ad una mansione o a una determinata operazione svolgere, diamo talvolta per scontato che ci voglia una serie di strumenti e, ovviamente, un abbigliamento adeguato.

È  un’associazione mentale che facciamo in automatico, ma dettata dalle specifiche problematiche legate all’operazione da svolgere. Gli indumenti da lavoro, infatti, rappresentano il primo dispositivo a protezione della nostra incolumità, e devono essere conformi a determinate normative.

Gli indumenti da lavoro devono essere funzionali per facilitare le operazioni che dobbiamo compiere, e fornire un’adeguata protezione nei confronti dei potenziali rischi insiti in una specifica mansione.

In questo caso, si parla quindi di DPI, ossia di Dispositivi di Protezione Individuale, che vengono così definiti: qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo” (art. 40 D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626)

Questa definizione include ovviamente anche gli indumenti da lavoro, per questo vi proponiamo delle linee di indumenti da lavoro certificati, dedicati alle esigenze specifiche di molti clienti.
 

Abbigliamento ad alta visibilità


Non esiste un solo cantiere in cui non sia obbligatorio indossare indumenti da lavoro ad alta visibilità, quella gamma di vestiario protettivo utilizzabile qualora sia necessario segnalare la presenza dell’utilizzatore agli operatori di veicoli o altri dispositivi sia durante le ore di luce in giornata sia di notte sfruttando le luci dei mezzi.

Il loro utilizzo è obbligatorio in molti luoghi di lavoro, ma ci è stato chiesto di aggiungere questa caratteristica alle loro divise da lavoro, in un caso in cui il personale aveva la necessità di attraversare una strada trafficata che separava le due sedi di un’azienda. Siamo stati quindi disponibili a creare una linea che includesse delle bande catarifrangenti nel loro abbigliamento.

Visita la sezione >>

Indumenti antimpigliamento


Il lavoratore che usa questi tipi di abbigliamento, spesso li vede come dei capi da lavoro un po’ robusti. In realtà indossa dei capi che rispecchiano direttive tecniche ben precise, come l’assenza di tasche esterne e la presenza di elementi di chiusura nascosti, quali bottoni automatici, fibbie inossidabili, dispositivi di chiusura ad azionamento rapido (velcro) e cuciture ribattute all'interno.

Visita la sezione >>


 

Indumenti antiacido


C’è poi la categoria degli indumenti antiacido, per i quali il tessuto deve rispettare degli adeguati standard di resistenza misurati in base al tempo di permeazione di una sostanza corrosiva.

Visita la sezione >>

Indumenti antistatici


Da non sottovalutare le caratteristiche antistatiche di un capo di abbigliamento anche se sembrano quelle meno importanti. L’elettricità statica è un accumulo superficiale di cariche elettriche su un corpo composto da materiale isolante. Questo accumulo avviene per elettrizzazione (es. strofinio) di materiali isolanti soprattutto in ambiente secco. Queste tensioni sono portatrici di energie molto ridotte e, in presenza di condizioni conduttive dell'atmosfera o del corpo (umidità) si formano e si scaricano continuamente senza attirare la nostra attenzione, ma possono diventare potenzialmente pericolose quando ad esempio stiamo trattando sostanze altamente volatili e infiammabili o esplosive.

Visita la sezione >>

Indumenti trivalenti


Queste caratteristiche tecniche per queste tipologie di abiti da lavoro, le abbiamo trovate in capi di abbigliamento differenti, ma possono anche essere condensate in un unico capo di abbigliamento. Cast Bolzonella offre, infatti, la sua linea di abbigliamento da lavoro trivalente che fornisce protezione antiacido, antistatica e tessuto ignifugo.

Visita la sezione >>

Protezione da fuoco e calore

Abiti da lavoro ignifughi


Esistono abiti da lavoro per lavorazioni più specifiche che rispecchiano, però, dei determinati standard nella loro realizzazione. Si pensi, ad esempio, ai lavori di saldatura, per i quali è indispensabile l’uso di un tessuto ignifugo a causa delle schegge di metallo incandescente. Ciò implica delle restrizioni nella scelta del tessuto, che deve essere in fibre sintetiche termoresistenti. Queste risultano infiammabili solo in presenza di quantità d’ossigeno ben più elevate a quelle presenti nell’aria e, allo stesso tempo, sono in grado di ridurre la temperatura del gas di combustione.

Visita la sezione >>

Indumenti antincendio


Sono realizzati con un particolare tessuto Ripstop un materiale con filatura di nylon che resiste allo strappo e lacerazioni inserendo ogni 0,6 centimetri, un filamento di nylon più robusto e con una sezione maggiore rispetto al resto del materiale. In caso si verifichi un taglio ha difficoltà ad espandersi perché confinato tra i filamenti più robusti, senza però gravare sul peso del materiale. In generale questo tipo di indumenti hanno una struttura a tre strati; uno esterno che protegge dal calore, uno strato mediano che permette la fuoriuscita del vapore acqueo del corpo e la barriera termica più interna.

Visita la sezione >>

 

Abbigliamento da lavoro anticalore alluminizzato


Progettato sugli stessi presupposti di quello antincendio, è pensato per le applicazioni industriali, come per esempio in fonderie ed acciaierie, dove bisogna sostenere delle situazioni anche più estreme. Questi capi di abbigliamento prevedono una protezione integrale dell’operatore e sono anche dotati di scomparti per apparati respiratori.

Visita la sezione >>

Protezione dal freddo


Per quanto riguarda l’abbigliamento celle frigo, questo tipo di abiti da lavoro deve avere capacità di isolamento dal freddo esterno e allo stesso tempo assicurare la traspirabilità del capo al vapore acqueo per evitare la formazione di sudore.

Visita la sezione >>

 

Abbigliamento alimentare e sanitario


Esistono, tuttavia, delle categorie che possiamo definire “borderline” ossia che non richiedono delle certificazioni particolari ma che comunque è imprescindibile che vengano usate nell’ambiente di lavoro e in particolar modo ci riferiamo agli indumenti da lavoro usati in campo alimentare e sanitario. In questi ambiti i vestiti non devono contrastare una specifica fonte di pericolo ma devono adattarsi alla molteplicità di situazioni cui possono andare incontro.

Visita la sezione Abbigliamento Alimentare >>

Visita la sezione Abbigliamento Sanitario>>

 

In conclusione


A prescindere che gli indumenti da lavoro siano o meno degli specifici DPI, a seconda dell’ambito lavorativo e dalla mansione da compiere, vogliamo ribadire un concetto valido per tutti i capi di abbigliamento: gli indumenti da lavoro sono il primo mattone della sicurezza che dobbiamo sempre costruirci all’interno del nostro ambiente di lavoro.

 
LE NOSTRE SEDI
Sede
35134 PADOVA (PD)
Via F.Lippi, 32-34
Tel: +39 049 864 08 09
 
 
Filiale per la Lombardia
20124 Milano (MI)
Piazza Quattro Novembre, 4
Tel: +39-02.87169330
lombardia@castbolzonella.it
 
 
Filiale per il Piemonte
10154 TORINO (TO)
Via Sandro Botticelli, 34
Tel: +39-011.1911.6536
piemonte@castbolzonella.it
 
 
Filiale per la Svizzera
6900 LUGANO (CH)
Via Besso, 68
Tel: +41 (0) 91 228 01 71
svizzera@castbolzonella.it

Cast Bolzonella SAS  |  P.I./R.I. Padova 02513930285  |   © 2016 All Rights Reserved   |   Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. OK